Al bambino

Potessi scegliere di cambiare il mio passato

tornerei a quando ero bambino

per far capire al bambino

la dura vita dell’adulto

Direi al bambino di raccogliere le briciole

che per strada trovera’ perche’ forse quella

sara’ la strada giusta per tornare a casa

Spiegherei l’amor per se stessi

del bisogno di non capir a tutti i costi

il senso di questa vita

Del non raccogliere a tutti i costi

l’amaro che qualcuno ti lascera’

Del saper ridere di se stessi e

del piegarsi al proprio maestro di vita

Del non capire se l’amore dato

e ricevuto era vero o no

Del godere di cio’ che la vita ti stava proponendo

avere il tempo di aggiustare

il tiro e poi ripartire

Del riuscire a far capire a me bambino

cio’ che forse ancora non so di aver capito

di come il destino e’ piu’ forte del sapere

Del come la vita a volte e’

un gomitolo di lana avvolto e incastrato

di nodi pericolosi e tagli morbidi

Di fondi di caffe letti da una donna rumena

che ti parlera’ della seconda mamma andata

perche’ il destino ha deciso cosi

Racconterei forse infine a quel bambino di essere se stesso

di sfogliare il libro della sua vita e

sapere che non c’e’ cosa piu’ bella

di essere vivo e vedere la luce che altri non vedono

i profumi che nell’aria circolano di quanto

amore e dolore questo vivere ti dona e che

il cuore vince sempre contro il sapere

Il passato come un fiore puo’ sbocciare

solo quando il tempo sara’ arrivato

che fiore si diventa quando maturi si e’

Per finire dire al bambino si te stesso

vivi con la musica nel cuore e 

il sole nel viso :-))

frans050108